La Regione Calabria vara “Riparti Calabria”

Dalla Regione Calabria 150 milioni di euro destinati al mondo produttivo per la ripresa economica .

E’ una misura con cui la Regione Calabria investe 150 milioni di euro sulla ripresa economica. 

Un intervento straordinario, che offre una visione di prospettiva ad imprese, piccoli artigiani, commercianti e professionisti.

Il fondo sarà gestito da Fincalabra Spa in collaborazione con Unioncamere e prevede la concessione di finanziamenti rimborsabili a tasso zero, attraverso la presentazione di una domanda sulla base del reddito operativo e del fatturato degli ultimi due esercizi.Considerato il nuovo quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19, con il supporto della finanziaria regionale Fincalabra Spa, saranno messe in campo le misure di seguito riportate:

Misure di sostegno alla liquidità attraverso l’istituzione di un Fondo “Liquidità Calabria” per la concessione di prestiti alle imprese a tassi agevolati;

Misure di sostegno del capitale circolante e/o delle perdite subite;

Misure di sostegno alla liquidità sotto forma di garanzia attraverso l’integrazione o il rafforzamento della Sezione Speciale Calabria del Fondo di Garanzia per le PMI (utilizzando le opzioni previste dal DL 18/2020 “Cura Italia”, l’attivazione di altre misure di garanzia compatibili con il Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza);

Strumenti Finanziari FSE 2014/2020, ovvero forme di sostegno alle piccole imprese quali il microcredito e/o misure di aiuto per il sostegno della liquidità delle imprese sociali;

Interventi sugli strumenti di sostegno in essere che comprendono l’ introduzione di ogni opportuna flessibilità consentita dalle norme e dagli avvisi per favorire le imprese beneficiarie; rifinanziamento di sportelli operativi connessi ad avvisi pubblici per la concessione di aiuti agli investimenti; attivazione di nuovi avvisi con specifico riferimento al rafforzamento ICT di imprese operanti in particolari settori per sostenere innovazioni tecnologiche e di processo attraverso l’introduzione di Piani di Smart Working; Piani di formazione aziendale.

Una parte del fondo servirà a dare ulteriore sostegno alle piccole partite iva – come commercianti ambulanti, bar e attività artigianali – con una sovvenzione una tantum a ristoro delle perdite subite.

Inoltre è stato previsto di garantire l’accesso alla liquidità anche da parte dei professionisti attraverso l’adeguamento del fondo Frois per il microcredito, dotato di 20 milioni di euro. 

Il fondo nasce per affrontare l’emergenza, ma sarà operativo per i prossimi cinque anni e potrà essere alimentato con ulteriori risorse.

Se vuoi saperne di più invia una mail a info@miaservizi.it con il tuo recapito telefonico una visura camerale ed una previsione di spesa, sarai contattato da tecnici esperti per informati su come procedere.

Lascia un commento