Ripari Calabria – Aggiornate le date per la registrazione e la presentazione della domanda e pubblicata la Guida Utente con le istruzioni operative

È stato fissato per il 4 giugno il click day per la presentazione delle domande ampliando così la finestra temporale per la registrazione. L’aggiornamento delle date è stato disposto al fine di offrire tempi maggiori ai potenziali beneficiari del contributo a fondo perduto una tantum, ovvero le microimprese calabresi colpite dalla crisi, per l’inserimento dei dati richiesti.

Le imprese che sono interessate possono inviare la domanda, attenendosi alle 3 fasi di seguito descritte. Continua a leggere

Riapri Calabria – Pubblicato l’avviso che destina un bonus di 2000 euro alle microimprese calabresi colpite dalla crisi.

Pubblicato l’avviso che prevede un bonus una tantum a fondo perduto di 2000 euro alla microimprese calabresi colpite dalla crisi.

A cura di DigitaL@B M.I.A. – Centro di ricerca & studi avanzati per l’innovazione e la digitalizzazione, nuova Digital News sul nuovo bando pubblicato dalla Regione Calabria, Riapri Calabria, che destina un bonus di 2000 euro alle microimprese calabresi colpite dalla crisi.

La Regione Calabria intende offrire un sostegno alla liquidità delle microimprese operanti sul territorio regionale, che hanno subito gli effetti dell’emergenza COVID-19 a seguito della sospensione dell’attività economica ai sensi dei D.P.C.M. 11 marzo 2020 e 22 marzo 2020, attraverso la concessione di un contributo a fondo perduto una tantum.

Scarica qui la Digital News:Riapri Calabria – Bonus una tantum a fondo perduto per microimprese.

Scarica qui l’ Avviso Pubblico – Riapri Calabria;

Scarica qui l’Allegato 1 – CODICI ATECO RIAPRI CALABRIA;


Per qualsiasi chiarimento in merito potete scrivere a digital@miaservizi.it. Se volete aggiornamenti sulle nostre news e sui nostri servizi cliccate MI PIACE sulla pagina Facebook “Mondo Impresa Azienda” o visitare il nostro sito www.miaservizi.it.


 

Lavora Calabria – Dalla Regione Calabria un contributo a fondo perduto di sostegno alle PMI per l’occupazione

A cura di DigitaL@B M.I.A. – Centro di ricerca & studi avanzati per l’innovazione e la digitalizzazione, nuova Digital News sulla nuova misura promossa dalla Regione Calabria, Lavora Calabria, con la quale intende finanziare le imprese calabresi dopo la prolungata interruzione dovuta all’emergenza Covid al fine di scongiurare i licenziamenti connessi alla crisi.

La misura è volta a sostenere i costi del lavoro aziendali mediante l’erogazione di un contributo a fondo perduto per il pagamento dei salari dei dipendenti delle PMI appartenenti al tessuto economico regionale il cui fatturato relativo all’anno 2019 sia stato superiore a euro 150 mila euro.

Scarica qui la Digital News:Lavora Calabria – Dalla Regione Calabria un contributo a fondo perduto di sostegno alle PMI per l’occupazione


Per qualsiasi chiarimento in merito potete scrivere a digital@miaservizi.it. Se volete aggiornamenti sulle nostre news e sui nostri servizi cliccate MI PIACE sulla pagina Facebook “Mondo Impresa Azienda” o visitare il nostro sito www.miaservizi.it.


Indennità COVID-19: in arrivo i 600 euro di aprile senza nuova domanda

L’INPS, dalla giornata di Mercoledì 20 Maggio, ha iniziato a disporre i pagamenti per tutte le categorie di lavoratori indicate nel decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 (Cura Italia), che hanno già percepito l’indennità COVID-19 (bonus 600 euro) di marzo 2020, e che riceveanno a breve l’indennità 600 euro di aprile senza presentare nuova domanda, come previsto dal decreto Rilancio (decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34).

I beneficiari riceveranno il consueto SMS di notifica. Il secondo pagamento di aprile sarà disposto dal 20 maggio e sarà possibile verificare il pagamento eseguito da INPS anche accedendo alla sezione “Pagamenti” del Fascicolo previdenziale del cittadino (con codice fiscale e PIN, SPID, CIE o CNS), selezionando nel menu del servizio le voci “Prestazioni>Pagamenti”.

Coloro che hanno già presentato la domanda possono comunque accedere al servizio indennità COVID-19 con il codice fiscale e le proprie credenziali (PIN, SPID, CIE, CNS e anche PIN semplificato) per consultarne gli esiti, modificare la modalità di pagamento o rinunciare, come indicato nel tutorial aggiornato.

Entro la fine del mese sarà pubblicata la versione aggiornata del servizio per consentire l’invio della domanda alle nuove categorie di lavoratori incluse dal decreto del 30 aprile 2020: lavoratori stagionali di settori diversi dal turismo, intermittenti, lavoratori autonomi occasionali senza partita IVA con contratti di lavoro occasionale, venditori a domicilio.

Fonte Comunicato Stampa INPS


Per qualsiasi chiarimento in merito potete scrivere a digital@miaservizi.it. Se volete aggiornamenti sulle nostre news e sui nostri servizi cliccate MI PIACE sulla pagina Facebook “Mondo Impresa Azienda” o visitare il nostro sito www.miaservizi.it.


 

Emergenza Covid-19: il Governo ha definito le nuove misure della Fase 2

Il DPCM 26 aprile 2020 detta le misure per la fase 2 dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, che avrà inizio il prossimo 4 maggio. Le nuove misure si applicheranno fino al 17 maggio.

Il Governo attreverso il DPCM del 26 Aprile ha detto le nuove misure previste per la fase 2 dell’emergenza Covid-19, che dovranno essere attuate dal prossimo 4 Maggio.

In particolare, il DPCM del 26 Aprile:

  • dispone un nuovo elenco di Codici ATECO (All. 3 al DPCM), che individua le attività produttive industriali e commerciali che, a partire dal 4 maggio 2020, potranno ripartire. Le attività che, in virtù del nuovo Allegato 3, non potranno riavviare la produzione possono proseguire se organizzate in modalità a distanza o lavoro agile. Invece, le imprese che riprenderanno le attività il 4 maggio, a partire dal 27 aprile 2020 possono svolgere tutte le attività propedeutiche alla riapertura, tra le quali le attività funzionali all’attuazione dei protocolli di sicurezza anti-contagio (es. sanificazione, pulizia, definizione percorsi ingresso e uscita, approvvigionamento DPI, installazione dispenser disinfettanti, organizzazione degli spazi comuni), nonché ogni altra attività indispensabile a garantire l’effettivo riavvio della produzione al 4 maggio (es. manutenzione, attività conservativa, accensione macchinari, approvvigionamenti). Inoltre, stando al tenore letterale della disposizione, le attività propedeutiche alla riapertura del 4 maggio possono essere intraprese liberamente, cioè senza che sia necessaria la preventiva comunicazione al Prefetto;

Continua a leggere