ROTTAMAZIONE-TER E SALDO E STRALCIO: ISTANZE PRESENTATE, I PROSSIMI STEP

Nell’informativa che comunicherà l’esito della richiesta, anche l’indicazione dell’ammontare complessivo dovuto, l’importo e le scadenze di ogni rata e i relativi bollettini di pagamento

Parte la seconda fase della definizione agevolata 2018, con gli adempimenti previsti per l’Agenzia delle entrate-Riscossione e per i contribuenti che hanno presentato, entro il 30 aprile, la richiesta di adesione ai provvedimenti della “rottamazione-ter”, prevista dall’articolo 3 del decreto legge 119/2018, e del “saldo e stralcio”, contenuto nella legge di bilancio 2019 (legge 145/2018, articolo 1, commi 184 e seguenti).

Appuntamenti importanti per i contribuenti che beneficeranno delle agevolazioni previste: nel caso della rottamazione-ter, il provvedimento consente di pagare l’importo del debito senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora (per le multe stradali, invece, non si devono pagare gli interessi di mora e le maggiorazioni previste dalla legge), mentre il “saldo e stralcio” consente, alle persone in situazione di grave e comprovata difficoltà economica con Isee (Indicatore della situazione economica equivalente) del nucleo familiare non superiore a 20mila euro, di pagare i debiti fiscali e contributivi in forma ridotta, con una percentuale che varia dal 16 al 35% dell’importo dovuto già “scontato” delle sanzioni e degli interessi di mora. Continua a leggere